Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

Annunci

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • Il confine di Zen Alchemico 14 agosto 2019
    Quando vedi il confine fra terra e cielo, la linea sottile per poter intravedere la luce. Vedi la rete sottile che collega le varie anime, ed una soltanto può collegarsi a te, che conosce la tua vera essenza. Quando il legame si forma la linea si interpone fra le due anime, quasi gemelle, volano si […]
  • “Addio…” di Alba Polverino 11 agosto 2019
    Addio cuore che palpiti. Addio occhi che scrutano e cercano anche nel buio. Eri ciò che desideravo. Eri nell’aria. Eri nella mente. Eri tutto ciò che guardavo. Eri nel profondo del mio essere ma…non eri per me. Alba Polverino
  • “Mobbing” di Anna Mazzara 11 agosto 2019
    Ho cancellato i sogni e scappo via. Indietreggio davanti a bulli e infami. Non voglio abbassare la testa a chi con piedi salati calpesta verdi prati fino a seccare la pace nelle profonde viscere. Indietreggio dignitosamente guardando le stagioni a seguire confidando al cielo un nome inebriato di glicine ad allontanare atti e parole. Adesso […]
  • “La luna e il mare” di Nello Zaino 11 agosto 2019
    Quando la luna fece luce nel profondo delle acque marine tutto cambiò, il colore delle acque, il tramonto, l’ondeggio delle acque tutto fu così bello. In lontananza vidi una barca senza alcun viaggiante tanto mi impressionò che la mia curiosità mi spinse a guardar tutto ciò, ma non vidi nessuno….cosa pensai che….solo il soffio del […]
  • “Non vendere i sogni, mai” di Umberto Lucarelli 11 agosto 2019
    Michele Giorgi è sveglio perché il “frigorifero gracchia instancabile come una rana”. Il nostro autore scrive: “La notte è buia, è profonda, silenziosa….e solo nella notte io vago per il lungo cammino nei sogni” e Michele ripercorre le sue esperienze giovanili. I ricordi sono un cortometraggio veloce e intenso: l’esperienza del servizio militare, il primo [… […]
  • I fatti di Bibbiano 20 luglio 2019
    L’inchiesta “Angeli e Demoni” ha scosso tutta l’Italia: una serie di affidi avvenivano sulla base di relazioni false per togliere i bambini ai loro genitori: genitori che vivevano situazioni difficili. E i bimbi venivano affidati ad amici e conoscenti. E poi, i piccoli venivano invitati a raccontare abusi….presunti, abusi che non sono mai avvenuti. E […] […]
  • I ricordi….di Rosa Mannetta 13 luglio 2019
    E’ una sera d’estate….la sera d’estate in cui i sentimenti fluiscono come onde rifrangenti contro uno scoglio che attende istanti di ricordi. I ricordi sono una ricchezza raccolti in uno scrigno. E sono da custodire gelosamente. Si ritorna con la mente a quando da piccoli, i giochi erano semplici….bastava un po’ di fantasia ed eravamo […]
  • Guardare….di Nello Zaino 6 luglio 2019
    Il mondo gli effetti naturali della natura, che circondano la terra tutto ciò ch’esiste non si guarda attentamente, si è distratti dal correre- per arrivare- dove? Neanche noi lo sappiamo, non abbiamo l’accortezza di soffermarci un istante e guardare le bellezze che Dio ha donato all’uomo anche le più piccole. Guardare solo per un istante […]
  • Speranza…. di Michele Leo 6 luglio 2019
    Quando il dolor prender membra scoperte infonder substantia fortia in versus oscure invader coscienzia per corromper animo nostro. Fragor in lo cielo sgretolar lo tutto che il veder fu perso, lo sgretolar bruna foglie scomparver posseder la prepotentia. Il fragor disperso fu, recuperar la vista de lo cielo candido er sol, membra eran lo foco […]
  • Cento poeti contro razzismo e xenofobia a Cetara con la MReditori 5 luglio 2019
    La serata dei “100 poeti contro il razzismo e la xenofobia che si è svolta il 4 luglio a Cetara ha rappresentato un forte richiamo verso il senso della Storia. Un senso della Storia perché il fenomeno dell’emigrazione non si può fermare: i popoli da sempre sono fluttuanti, sono alla ricerca di nuove risorse. E […]

Archivio articoli

Annunci

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

Errore: assicurati che l'account Twitter sia pubblico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: