Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • Il libro di Alessio Tropeano: “Finchè Parkinson non ci separi”. 5 dicembre 2016
    Conosciamo l’autore. “Come è nata l’idea del libro?”. Alessio Tropeano: “L’idea è nata per caso. Mi ha indotto a scrivere anche il dott. Giulio Ciccarelli, il neurologo che mi ha seguito. Ho voluto diffondere ottimismo. Il Parkinson, non  può congelare la vita. In ogni caso, si continua a vivere”. “Ci descrive per sommi capi come […]
  • La violenza di uomini e donne… 25 novembre 2016
    Il 17dicembre del 1999 fu istituita la giornata del 25 novembre dall’Assemblea Generale dell’ONU, contro la violenza sulle donne. Esiste il femminicidio, la violenza dei COMPAGNI O MARITI SULLE DONNE, ESISTE LA VIOLENZA VERBALE DELLE DONNE VERSO ALTRE DONNE: COGNATE, SORELLE, AMICHE, MAMME…ESISTE LA VIOLENZA IN GENERE. In famiglia, tra madre e figlia, tra so […]
  • FALCHI, COLOMBE O SOLO AVVOLTOI? 11 novembre 2016
    La vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali degli USA sicuramente porterà a cambiamenti negli scenari internazionali. E’ cosa buona la vittoria di Trump? Non credo. Del resto anche se a vincere fosse stata la Clinton le cose non sarebbero andate meglio per noi europei e per il pianeta. Neanche se a vincere fosse stato […]
  • La scossa delle 7.40, fa tremare tutta l’Italia… 30 ottobre 2016
    Ricordo il boato che sentii, in Irpinia, ore 19,34….un terremoto di magnitudo 6.9, il 23 Novembre del 1980. Non dimentico la data. Non l’ho mai dimenticata. Oggi alle 7,40 una scossa di magnitudo 6.5, tra Perugia e Macerata, sconvolge tutti, causa ulteriori crolli. Siamo di fronte ad un notevole scossone. La scossa è stata avvertita […]
  • L’ISOLA DELLE LACRIME 27 ottobre 2016
    Ellis Island (ISOLA DELLE LACRIME) è un isolotto alla foce del fiume Hudson nella baia di New York. Antico arsenale militare, dal 1892 al 1954, anno della sua chiusura, è stato il principale punto d’ingresso per gli immigranti che sbarcavano negli Stati Uniti. Nel 2014 per la prima volta dagli anni ’90, da quando è […]
  • La Gabbia di Adriana Fabozzi 18 ottobre 2016
    Nel libro “La Gabbia” scritto da Adriana Fabozzi vengono fuori in modo chiaro e nitido le ansie, le angosce e i tormenti di una giovane. Asia rappresenta ,in modo inequivocabile, lo stereotipo della ragazza dei giorni nostri. Una donna di grande sensibilità che si trova a vivere in un mondo falso ed ipocrita, dove la […]
  • GUERRA GLOBALE 15 ottobre 2016
    Per analizzare l’attuale situazione geo politica non è possibile evitare qualche riferimento al passato, più o meno prossimo.Il mondo, come oggi lo conosciamo, nasce da una data di riferimento: il 1571 quando avvenne la battaglia di Lepanto che vide vittorioso il blocco occidentale cristiano in contrapposizione al blocco orientale islamico. Non che prima di […]
  • Oliviero Toscani e Claudia Galal all’European Millennials Festival 4 ottobre 2016
    Il primo ottobre a Siena nell’ambito dell’European Millennials Festival, sono intervenuti il poliedrico Oliviero Toscani e la scrittrice Claudia Galal. Questo evento ha riguardato i giovani e l’Europa, le forme di comunicazione, di espressione e linguaggi delle nuove generazioni. Il tutto ha rappresentato momenti di arte e di arte, ma anche di approfondiment […]
  • Sotto lo stesso ombrello di Giovanni Croce e di Clara Raffaele 17 settembre 2016
    Due poeti: Clara Raffaele e Giovanni Croce. Due poeti che ho letto. Il loro libro: “Sotto lo stesso ombrello”, mi ha emozionato. Due poeti e la loro è vera poesia. La poetessa Clara, scrive: “Guardo il cielo …e le nubi che oscurano intorno, rotolando nel giorno una lacrima sola, si smarrisce nel tempo passeggera d’un […]
  • LETTERA ALLA DEA VITA 23 agosto 2016
    Cara, Dea Vita, le vacanze stanno per terminare. Si fa il resoconto dell’estate 2016. L’estate sta per finire…Un nuovo anno si affronterà. E le solite persone, con i soliti caratteri, avanzeranno nella nostra vita. Tu, cara Dea, ci prendi in giro. Tu, cara Dea, ci assali con il desiderio della vita. Ma è vita, quella […]

Archivio articoli

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: