Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

Annunci

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • Il Cpia di Avellino con” Libera” 22 marzo 2019
    Avellino….è stata invasa da una folla di studenti provenienti da tutta la Campania. E tutti in piazza per la XXIV giornata nazionale per l’impegno ed il ricordo delle vittime innocenti di mafie, contro le mafie, insieme a Libera Campania. E il Cpia di Avellino ha partecipato con entusiasmo sia con gli studenti e sia con […]
  • “Mare in armonia” di Nello Zaino 6 marzo 2019
    MARE IN ARMONIA Nelle acque vidi il tramonto allo scoccar della mezzanotte vidi una stella toccare l’acqua ed il mio incanto fu proprio lì . La vera poesia era nella luce stellare. Nello Zaino   Il mare ci ascolta Ascolta le nostre ansie le nostre paure si prende tuto il nostro peso le angosce, come […]
  • “Lunghezza d’onda” della Rocca dei Poeti 3 marzo 2019
    Lunghezza d’onda. “I colori dell’arcobaleno. Come un miraggio piovono sulla mia arida terra da un cielo che si fa memoria. E dicon poco i versi che dalla sommità qui giunsero a rifrangersi. E poi il sole riscalda i cuori…sorridi al giorno… Guarda l’alba che ti sia d’ispirazione nel guardare al futuro a testa alta. Nella […]
  • Prima Partita Nazionale Italiana Poeti di Michele Gentile 3 marzo 2019
    Sconfitta di misura per la Nazionale Italiana Poeti alla sua prima uscita ufficiale. La squadra dei lirici è stata battuta 1 – 0 al suo esordio dalla Asd Drago Calcio, ottimo team del Villaggio Breda di Roma. I poeti, al loro primo incontro e allenamento sul campo, hanno lottato fino alla fine evidenziando grande volontà […]
  • La Rocca dei Poeti al Minimarket del libro di Michele Gentile 24 febbraio 2019
    La poesia ci permette di vivere e sperimentare momenti di profonda intensità emotiva. Ci eleva, ci dona una grandissima opportunità: ci rammenta la nostra natura umana. Per questo motivo la poesia riveste un ruolo importantissimo nella mia esistenza, per questo motivo decisi quattro anni fa di creare La Rocca dei Poeti. Volevo una manifestazione che […]
  • L’orologio poetico di Nello Zaino….della Rocca dei Poeti 22 febbraio 2019
    L’orologio Poetico È l’ora dei versi, si intagliano fra sette colonne come i giorni della settimana nessuno – è uguale , ma l’un l’altro anno qualcosa in comune….. il cuore e l’anima in un sol gesto, Pooeesia=amore Nello Zaino Michele Gentile Paola Gaspardis Rosa Mannetta Beatrice Mezzone Monica Baldacchino Marcello Muccelli  
  • La Campagna dell’Ordine dei medici 21 febbraio 2019
    La foto rappresenta il manifesto della campagna della Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri. E’ un messaggio in risposta al vento di autonomia della Lombardia, del Veneto e dell’Emilia Romagna. La salute è un diritto di tutti e il manifesto, è stato affisso a Bari. Nel mese di marzo sarà affisso anche in […]
  • Nazionale Italiana Poeti di Michele Gentile 16 febbraio 2019
    NAZIONALE ITALIANA POETI   E’ nata la Nazionale Italiana Poeti,  una squadra di calcio composta esclusivamente da poeti italiani,  che intende coniugare cultura e sport al servizio della solidarieta’. Sponsor del team e’ la William School Music. Presidente Onorario il Dr. Gianni Maritati del Tg1. Allenatore del club e’ Mister Vincenzo Ligori, tecnico Uefa. I […]
  • Pastelli di MARCELLO MUCCELLI 14 febbraio 2019
    La poesia di Marcello Muccelli è immediata. Si nota il tocco di colore che dona alla quotidianità. La nostra quotidianità è composta da fatti che possono renderci sereno o possono crearci momenti di frizione. Alla fine, è sempre vita…. NELLE TASCHE Nelle tasche, al tramonto, tornando dal mare, piccole cose. Qualche spicciolo un mazzo di chiavi […]
  • Innamorati dell’amore di NELLO ZAINO 14 febbraio 2019
    La poesia va avanti con il poeta Nello Zaino. Leggiamo pure…. INNAMORATI DELL’AMORE  San Valentino ti aspetto ogni anno, ma non ho alcuna risposta aspetto che mi doni un sorriso, un abbraccio che non arriverà mai . Un giorno incontrai un povero che mi disse voglio donarti queste rose…… sono quelle che aspettavi!!! Vero. Da […]

Archivio articoli

Annunci

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: