Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • Il bullismo e le soluzioni del Dott. Carlo Iannace 5 febbraio 2020
    Il dottore Carlo Iannace è in prima linea in tutto ciò che concerne la sensibilizzazione delle coscienze. E in primis, afferma: “Da cofirmatario della legge regionale disposizioni per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni del bullismo e cyberbullismo, sono contento che si sia concretizzato uno dei punti annunciati dal testo che prevede proprio l’istituz […]
  • “La festa della primavera” di Carlo Iannace 28 gennaio 2020
    Il dottore Carlo Iannace da sempre impegnato nella cultura della prevenzione, con la collaborazione delle associazioni “Le mani sui cuori” e “Amdos Avellino”, lancia un’idea, quella di effettuare una “prossima festa della primavera”. In una intervista ha affermato: “Una festa della primavera è importante. La primavera è una rinascita della natura. E’ come ri […]
  • “Passione travolgente” di Nello Zaino 13 gennaio 2020
    La passione per te è travolgente. La lontananza ci divide ma non dividerà mai l’amore. Se il giorno più bello sarà quello di averti conosciuto sarà ancora più bello accarezzare il tuo volto e sfiorare le tue labbra. Dalle Alpi ai fiumi. Ti sorreggerò da una nube. Ti solleverò e ti porterò via da quelle […]
  • “Linea infinita” di Nello Zaino 27 dicembre 2019
    Linea del cuore linea d’amore è quella che ti porta al confine di ogni realtà. Quando l’immagine diventa realtà nulla è più grande di una infinita verità! Tutto compresi, allorché la profondità di quella infinita linea perché l’immenso non è calcolabile e la volli chiamare – poesia – Nello Zaino Ispirata durante il viaggio a […]
  • “I luoghi del cuore” di Diana Guerriero 27 dicembre 2019
    Da alcuni giorni, presso FucinArte, si è inaugurata la mostra fotografica di Bruno Gaeta dal titolo “Luoghi del cuore”. Le foto in bianco e nero e a colori, hanno catturato momenti di vita trascorsi in luoghi visitati ed amati dall’artista. Paesaggi naturali, incontaminati si uniscono a scatti di località sacre. Tra queste, una foto dove […]
  • E si dormirà in eterno 27 dicembre 2019
    Buon Anno a chi dorme e a fine mese prende lo stipendio, con pigrizia mentale, a chi sarà eternamente schiavo di chicchessia, a chi è vittima di bullismo sul lavoro e subisce con eroismo, a chi si alza e si lascia andare per vivere il giorno senza comprendere cosa stia realizzando, a chi è in […]
  • Il Natale 2019 22 dicembre 2019
    E’ il Natale del bel Paese. E’ il Natale di cinque milioni di persone in povertà assoluta; alcuni sono preoccupati e stringono la cinghia. E uno su tre taglia la spesa. E poi, ci si preoccupa per la situazione economica, per il degrado ambientale, per la disoccupazione. E’ tensione ovunque. E’ ansia di vita: problemi […]
  • “Intime Confidenze” di Nicola Branchi 20 dicembre 2019
    Sono andata alla presentazione del libro di Nicola: “Intime Confidenze”. E’ un libro, che poi a casa, ho letto subito. Subito, non significa in fretta. Ho letto con curiosità la storia e i ricordi del protagonista, ricordi che evocano un tempo giovanile, di quando si ha sempre il desiderio di scoprire sensazioni ed esperienze immediate. […]
  • Il “Natale” particolare di Carlo Iannace 18 dicembre 2019
    Il Natale è solidarietà. Il Natale può essere educazione alla prevenzione. Il dottore Carlo Iannace da sempre impegnato nella lotta contro il cancro al seno, intende diffondere il messaggio che “è Natale, anche per chi sta affrontando le cure per superare la malattia”. Egli afferma: “Al nostro appello solidale hanno risposto 4.000 donne. Hanno prodotto […] […]
  • “L’albero dell’amore” di Nello Zaino 8 dicembre 2019
    Quando l’amore disse all’albero: “Quanti rami hai unito! Tanti”. – Amore – per tutte quelle persone che si odiano. – Carità – per le persone che hanno bisogno di vestiti. -Speranza – per tutte quelle persone che hanno perso tutto, familiari, casa, cose….perché una parola di conforto, possa far sperare. – Gioia – a tutte […]

Archivio articoli

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

Errore: assicurati che l'account Twitter sia pubblico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: