Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

Annunci

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • Gli azzurri sprofondano. L’Italia in declino. 13 novembre 2017
    Gli azzurri sono stati eliminati dai Mondiali in Russia del 2018. Figuraccia storica. Catastrofe nello sport. Catastrofe nella politica. Sono lontani i tempi di quando eravamo Campioni del Mondo nel 1982, con Bearzot e con l’esultazione del presidente Pertini. Bei tempi. Tempi remoti. Le lacrime amare emergono. Delusione di un Paese. Affonda il tricolore. Af […]
  • La fierezza del popolo catalano… 27 ottobre 2017
    Sono giorni che vediamo le proteste dei Catalani. Vogliono la CATALOGNA LIBERA! Libera dal governo centrale di Madrid. Un motivo ci sarà. Si sa che i regionalismi si devono evitare. Si sa. Ma occorre tener presente il principio della autodeterminazione dei popoli. I Catalani sono scesi in piazza: dimostrano che vogliono l’indipendenza dal potere centrale. [… […]
  • La trappola di un Paese…. 10 ottobre 2017
    La storia di Peppina Fattori, la 95enne sfrattata, è diventata un caso. Solo un caso. Nonna Peppina ha dovuto abbandonare la sua casetta: è scattata l’esecuzione del sequestro. Peppina andrà ad abitare nel vicino container. Sembra una telenovela dalla trama intricata. Ed ecco che tutti siamo in trappola! Questa è la trappola burocratica in cui […]
  • IL BLUFF….di MARIA GRAZIA ZAGARIA. 10 ottobre 2017
    UN ALTRO ARTICOLO DI MARIA GRAZIA ZAGARIA….. Le regole del gioco vanno rispettate, altrimenti si “bara”! Bluffare non è corretto! E’ una cattiveria gratuita nei confronti di chi crede nella giustizia, nei valori sanciti dai nostri padri costituenti. Il bluff è nella natura non dell’uomo, ma dell’”oltre – uomo” (G.Vattimo -l’oltre – uomo si è […] […]
  • La corruzione dilaga… 27 settembre 2017
    Giorni fa, 7 docenti universitari sono finiti agli arresti domiciliari. L’accusa è stata di corruzione. Dall’operazione “Chiamata alle armi”, è emerso che “l’assegnazione di abilitazioni all’insegnamento avveniva in base a valutazioni non su criteri meritocratici, ma su criteri orientati su interessi personali o associativi”. Tutto è venuto fuori, perché un […]
  • Il parroco che calpesta San Francesco d’Assisi… 30 agosto 2017
    E’ successo ad Avellino. Un parroco ha calpestato il significato della regola dettata da San Francesco. Questi i fatti: un collega giornalista si è recato in una Chiesa e ha chiesto delle informazioni al parroco. Il parroco non ha accolto il giornalista. In che senso? Il parroco ha cacciato via dalla Chiesa il giornalista e […]
  • Poesia sotto le stelle…. 28 agosto 2017
    Il 23 agosto 2017, si è svolto a Cetara, un evento: “Poesia sotto le stelle”. L’evento è stato patrocinato dal Comune di Cetara ed è nato, da un’idea della MReditori, di Giovanna Ragusa, direttore editoriale della casa editrice. La MReditori è una realtà importante, che si prefigge di valorizzare il territorio, il Sud. E’ nata […]
  • Legge Vaccini – La posizione della SIPNEI – SOCIETÀ ITALIANA PSICO NEURO ENDOCRINO IMMUNOLOGIA 1 agosto 2017
    LA POSIZIONE DELLA SIPNEI SULLA LEGGE SUI VACCINI E SUL DIBATTITO ANCORA IN CORSO Abbiamo atteso a prendere una posizione, sia come Società scientifica sia come singoli, perché, a nostro avviso, s’è infiammato un dibattito di scarso valore scientifico, tendenzioso e, a tratti, estremamente violento. La responsabilità della bagarre è di chi rifiuta i vaccini […]
  • L’importanza di chiamarsi Giorgio Caproni 25 luglio 2017
    Giorgio Caproni è il poeta che è diventato “famoso” per l’analisi del testo, inerente alla prova di italiano degli esami di maturità del 2017. Diciamolo, era già conosciuto. I più lo conoscevano. Era amico di Pasolini. Egli ha scritto: “Non uccidete il mare, la libellula, il vento. Chi resta sospira nel sempre più vasto paese […]
  • L’etica e lo Stato di Maria Grazia Zagaria 21 giugno 2017
      L’ETICA E LO STATO In questo mare-magnum di rotte politico-economiche, non può assolutamente essere “dolce il naufragar!” Il porto sicuro in cui approdare è costituito dalla riscoperta dei fini sui mezzi, dell’equità sull’efficienza, dal ricongiungimento tra l’etica e l’economia. Non può “Il fine giustificare i mezzi”, sintesi grossolana del pensiero filos […]

Archivio articoli

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: