Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • Il tempo di buio e fiamme di C. G. 23 dicembre 2020
    Quand’anche il corvo morirà quand’anche la partecipazione sarà vietata quand’anche un verso sarà solo un ricordo arriverà il tempo di buio e fiamme ed arriverà di sicuro nessuno potrà non toccarlo. Musica celtica s’espanderà suonata per allietar dolori campi di fiori bruciati vedranno il tuo piede ferito avanzare. Rimpiangerò, rimpiangerai di non averci cors […]
  • Tu e (D)IO di Michele Carniel 23 dicembre 2020
    Ricordi? Il bianco non fingeva e l’anima restava aderente al petto. Abbiamo fuso le mani osservando il sole colare sul rame. Persino i grani di sabbia imitavano il nostro amore, stretti come il respiro che non uscì dalle nostre labbra sigillate. Abbiamo sorpreso Dio arreso all’invidia per la vastità con cui abbiamo colmato il giorno. […]
  • I Granelli di sabbia di Nello Zaino 9 dicembre 2020
    I granelli di sabbia ho contato… in un tempo di incertezza perché nulla è stato inutile… e solo in un oceano potrò contare il tempo che passerò ad amarti finché acqua traboccherà. Nello Zaino
  • LE PSICOSI MANOVRATE DI EZIO FORSANO 9 dicembre 2020
    LE PSICOSI MANOVRATE A questo punto trovare il bandolo della matassa potrebbe sembrare impossibile ma credetemi non lo è. Ad avvalorare la mia tesi ci sono informazioni estrapolate da servizi giornalistici alternativi a quelli che io chiamo, edulcorati per le masse. Seppur da una parte si tenti di travisare o nascondere il problema Covid con […]
  • Il premio ASTROLABIO di Valeria Serofilli 29 novembre 2020
    Mi presento brevemente: sono una docente di materie letterarie e di storia dell’arte ma opero da anni anche nel settore culturale. Ho scritto dodici libri di poesia e numerosi di critica e saggistica, e, in qualità di presidente fondatrice, mi occupo di AstrolabioCultura, associazione che organizza premi, reading e incontri letterari. In particolare curo da […]
  • “TARANTA D’INCHIOSTRO di Valeria Serofilli 29 novembre 2020
  • ALTROVE di MICHELE GENTILE 24 novembre 2020
    ALTROVE Non sta a me stabilire i baratri della solitudine. Non sta a me sancire gli abissi del silenzio. Io posso solo cercarmi altrove, io posso solo non arrendermi mai. MICHELE GENTILE
  • Il COVID 19 21 novembre 2020
    Editoriale L’interrogativi… In un pomeriggio piovoso di questi giorni, realizzo un’intervista. Pongo degli interrogativi che interessano a tutti noi. -Che ne pensa del vaccino anticovid? -Personalmente posso dire che ci vogliono dai 5 agli 8 anni per produrre un vaccino. Io dico che ci vuole prudenza. -Come vede la tappa dei contagi nel nostro Paese? […] […]
  • PROGETTI DI EZIO FORSANO 2 novembre 2020
    PROGETTI PREZIOSI di Ezio Forsano Ipotizzare e realizzare un racconto e poi trasformarlo in un libro, è già di per se impresa straordinaria per ogni Autore. Pensare di farlo a quattro mani e in compagnia di una grande figura quale Rosa Mannetta, tutto ciò diventa un qualcosa di inestimabile. Legati entrambi da una profonda stima […]
  • DIFFONDERE LA SCUOLA EMPATICA 18 ottobre 2020
    Movimento letterario-artistico-filosofico e culturale sorto in Italia nel 2020          Menotti Lerro, Antonello Pelliccia, Luigi Leuzzi, Diana Nese, Umberto Curi, Milo De Angelis, Mauro Afro Borella, Francesco D’Episcopo, Bernardo Lanzetti, Giuliano Ladolfi, Giampiero Neri, Valerio Magrelli, Maria Rita Parsi, Omar Galliani, Elena Pontiggia, Vivian Lamarque, […]

Archivio articoli

Classifica Articoli e Pagine

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

Errore: assicurati che l'account Twitter sia pubblico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: