Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • COMUNICATO STAMPA 3 giugno 2020
              COMUNICATO STAMPA     La testata giornalistica TGNews Tv, con il patrocinio morale del Comune di Gesualdo, della Pro Loco Civitatis Iesualdinae, Cooperativa “Guido”, Accademia Italiana Carlo Gesualdo Aps, Istituto Italiano Studi Gesualdiani, Associazione Agorà ,organizza il I Concorso Nazionale di Poesia e di Racconti “Carlo Gesualdo ” il Principe […]
  • Inventiva Italiana di Ezio Forsano 3 giugno 2020
    INVENTIVA ITALIANA di Ezio Forsano Che non siamo una Nazione fatta solo di poeti e marinai, lo abbiamo sempre saputo. Questa menzione puramente romantica che idolatrava un popolo tanto da farlo apparire un genere, una specie unica al mondo, è ampiamente sorpassata. Ora gli italiani si adeguano ai tempi (già da tempo ormai n.d.r.), adottando […]
  • La Dad al tempo del Covid 19 di Rosa Mannetta 1 giugno 2020
    La Didattica a Distanza è stata avviata in un momento di grande emergenza. La più grande emergenza sanitaria che il nostro Paese ha dovuto affrontare, ci ha messo a dura prova. Dal 10 marzo 2020, l’Italia è diventata zona rossa. In pochi giorni, ogni scuola si è dovuta attrezzare per realizzare una straordinaria novità: un […]
  • Un progetto per un ideale di Ezio Forsano 28 maggio 2020
    UN PROGETTO PER UN IDEALE di Ezio Forsano Che il mondo dell’editoria sia complesso e a tratti impenetrabile è un dato di fatto. Le problematiche che si riscontrano, le difficoltà per ottenere una pubblicazione, a volte fanno desistere chi tenta di avvicinarsi a questo pianeta dai toni spesso oscuri. La voglia e la capacità di […]
  • LE MILLE FACCE DELL’EGO di Ezio Forsano 26 maggio 2020
    LE MILLE FACCE DELL’EGO di Ezio Forsano Che la società odierna sia completamente deteriorata è ormai un dato di fatto inequivocabile. Perdita di valori, di punti di riferimento tra gli effetti più evidenti davanti agli occhi di tutti. Potremmo parlarne all’infinito e non ne trarremmo nessun risultato. Viviamo in un momento storico decisamente caotico, dove [ […]
  • Le persone hanno fame di Rosa Mannetta 24 maggio 2020
    Il Covid19 ha causato una nuova povertà. Sono andata in un supermercato giorni fa: ho visto persone che andavano a rovistare tra le cassette di frutta destinata nella raccolta differenziata dell’umido. I nuovi poveri sono oltre un milione. I nuovi poveri che hanno bisogno di aiuto per mangiare. Le restrizioni hanno contenuto il contagio, ma […]
  • La responsabilità civile di Rosa Mannetta 19 maggio 2020
    E siamo in fase 2. L’Italia è ripartita. Il problema sono le cattive abitudini da Nord a Sud. Iniziamo da Siena: alcuni sono stati sanzionati senza mascherina; a Trastevere senza mascherine; a Palermo, alcuni assembramenti di giovani e no, senza mascherina. Leggo in questo istante la notizia che in Cina torna l’incubo lockdown: misure restrittive […]
  • “L’assoluta sensazione del nulla” di Ezio Forsano 18 maggio 2020
      Riflettiamo un attimo. Da ciò che inevitabilmente si ascolta, la giornata di oggi potrebbe essere paragonata alla Festa della Nazione. Una dilagante anomala e inquietante euforia pervade lo stivale. Nei TG servizi dedicati all’allegria della gente, dei negozianti, dei ristoratori e quant’altri sono stati, come tutti, coinvolti in questo periodo drammatico […]
  • Ezio Forsano si presenta…. 14 maggio 2020
    Presentazione Di sicuro, i suoi natali nella città Abruzzese di Sulmona, già patria dell’illustre Poeta latino Ovidio, gli hanno inciso l’anima. Autor, scrittore e sceneggiatore, è uno dei nomi che si sta facendo strada nel panorama teatrale, cinematografico ed editoriale italiano. Numerosi i Concorsi a cui partecipa ottenendo importanti riconoscimenti. Rico […]
  • “Non man is an Island” di Pat Porpiglia 11 maggio 2020
          “NON MAN IS AN ISLAND……” I versi iniziali di una poesia del poeta inglese John Donne – Meditazione XVII- “No man is an Island, entire of itself”, in questo periodo caratterizzato da una crisi pandemica di Covid 19, racchiudono un significato profondo e rilevante. Usando poche parole – soltanto la sublime ed […]

Archivio articoli

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

Errore: assicurati che l'account Twitter sia pubblico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: