Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • “Una strana estate italiana” di Ezio Forsano 9 agosto 2020
    UNA STRANA ESTATE ITALIANA di Ezio Forsano Mettiamoci l’anima in pace una volta per tutte. Quella che stiamo attraversando non sarà la solita estate di sempre. Ormai ne abbiamo contezza e consapevolezza piena. Anche se in molti tentano di negarlo. Ce ne accorgiamo dalle innumerevoli limitazioni presenti ovunque, anche se purtroppo in pochi le osservano. […] […]
  • “Oltre il silenzio: la parola al tempo della pandemia” antologia curata da Massimo Pasqualone 9 agosto 2020
    L’associazione abruzzese Irdidestinazionearte ha un impegno notevole nel diffondere a livello nazionale ed internazionale tutto ciò che è arte, con premi letterari e presentazioni di libri. Del resto, l’arte è movimento di pensiero. Durante i giorni del lockdown, è nato un progetto: un’antologia di circa 115 scrittori selezionati da un comitato scientifico. […]
  • “Viaggio nell’anima” di Ciro De Novellis 31 luglio 2020
    Il Nostro Ciro ha scritto un libro interessante. Affascina. Perché? Il nostro autore scrive: “Ci allontaniamo dal passato che vediamo scorrere nei ricordi, come fluido di qualcosa che sta sciogliendo le sue forme, per chi sa quale ricomposizione sperata. Attendiamo il divenire come debole ansia che vorremmo si concretizzasse con la certezza del sole che […] […]
  • “Ci sarà un futuro per le GaE?” di Rosa Mannetta 24 luglio 2020
    Le GaE sono le graduatorie ad esaurimento e sono quelle da cui il MIUR, ricorrono per le assunzioni e per i contratti a tempo determinato. In pratica, sono organizzate su base provinciale e secondo le classi di concorso. Le GaE sono provengono dalle vecchie graduatorie permanenti e sono relative secondo un ordine di punteggio. Attualmente, […]
  • “Caffè migrante” di Graziana Palermo 12 luglio 2020
    Oltre i confini e le barriere i porti e i ponti ci sono esseri animati, ci sono umani. Aprite le strade, i varchi e le frontiere. La diversità possa diventare ricchezza il buon senso il buongiorno al mattino e la politica un buon caffè al gusto aromatico. Il “Prossimo” caffè è tuo! Amalo, oltre. Graziana […]
  • “La soglia del silenzio” di Rosa Mannetta 1 luglio 2020
    Il film “La soglia del silenzio”, è un progetto di Ezio Forsano. Ezio vive a Sulmona. Ezio è lo sceneggiatore che è stato colpito da storie di donne. Il film sarà girato tra Sulmona e Pescara il prossimo ottobre. Chiedo a Ezio: “Dove è nata l’idea del film?”. -“L’idea nasce da un libro di Enza […]
  • “Appercezione” di Graziana Palermo 1 luglio 2020
    Poesia: APPERCEZIONE   Occhi profondi di un mare sconosciuto, di un orizzonte mai compreso , di colline mai valicate. Le radici sono evidenti nei segni tangibili di un bimbo che cresce. Oltre. Graziana Palermo
  • Un film per dire no di Ezio Forsano 25 giugno 2020
    UN FILM PER DIRE NO di Ezio Forsano Sensibilizzare la società sui temi della violenza, delle diseguaglianze e delle discriminazioni, dovrebbe essere impegno di tutti. Da qualunque ambito esso possa partire. Può e deve diventare compito della famiglia, punto di partenza per la creazione di una società migliore o della Scuola attraverso l’apporto sapiente e [… […]
  • MENZOGNE MIRATE di Rosa Mannetta 21 giugno 2020
    Menzogne. Menzogne. Menzogne. E’ facile raccontare menzogne che fanno male. E’ facile attribuire a chi non è capace di raccontare menzogne, di averle prodotte. E’ facile dire: “Quella persona ha detto….è stata lei”. E quando per attutire il contesto, si è in grado di assumersi colpe, che non sono tali, cosa significa? E’ facile dire. […]
  • “Cuore Nero” di Graziana Palermo 19 giugno 2020
    CUORE NERO 🖤 Nel sapore del vento Sento il profumo del tuo io al di là del tramonto dell’alba dell’orizzonte. Oltre. Graziana Palermo

Archivio articoli

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

Errore: assicurati che l'account Twitter sia pubblico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: