Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -“C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

Annunci

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • STAGIONE NUOVA di Michele Leo 10 giugno 2019
    Sorger lo sol oggi era car dopo cotanto freddo rialzar col candor nuovo poter esser nova luna. Lo spazzar de lo banco claro schiarir lo pensier per affrontar le impervia de lo mundo, co lo spirito arder co dentro ancor di più dissolver li mostri che popolar codesta terra. Michele Leo Annunci
  • FRA ALTRE LUCI di Francesco Pasqual 10 giugno 2019
    Un giorno capiremo che la paura è l’inconsapevole chiusura degli occhi, che il momentaneo buio che ci pervade è solamente una sottile soglia da varcare verso la luce che in noi tace; capiremo l’energia che disperdiamo e quella che potremmo riavere sempre…. Un giorno sapremo riaprire gli occhi e avremo di fronte molte risposte, daremo […]
  • LA PAROLA di Francesca Falco 10 giugno 2019
    Descrive cerchi sui fianchi la parola che nasce dal tuo cuore scrive sul corpo emozioni svelate tra gioia e stupore. Smuove foglie di tiglio il respiro che nel cielo dipinge arabeschi tra le nubi; mi rimargina il pianto l’ora vera dei nostri silenzi che ci sussurra il canto della vita. Accade. La notte si scopre; […]
  • L’incomunicabilità di Rosa Mannetta 28 maggio 2019
    Il trionfo della Lega ha sorpreso tutti. E da Nord a Sud, hanno premiato il leader della Lega. Perché? Cosa succede agli italiani? E’ tutto cambiato dalla prima Repubblica alla seconda: il clamore di Forza Italia si è perso dagli anni novanta ad oggi. La sinistra di un tempo si è persa….ora esistono accenti vaghi […]
  • Il Romanzo del silenzio di Nello Zaino 28 maggio 2019
    Il Romanzo del silenzio Quando misi in silenzio la mia Anima e chiusi gli occhi per vedere ed ascoltare tutto ciò che nella confusione non si può ascoltare e vedere vidi tanti colori, chiari, veri e puri come l’acqua cristallina, così l’etere della poesia romanzo del silenzio e dell’amore. Cristallo indistruttibile. Nello Zaino     […]
  • Amanti di Nicola Branchi 28 maggio 2019
    Amanti Se sapessi descrivere quel che sento quando ti bacio ad occhi chiusi, non basterebbero parole né frasi. Arde la fiamma riscalda l’ambiente, noi due ora nudi, l’amore è presente. Un sorso di vino scende giù per la gola bagna la bocca ci inebria ancora. Tutto gira intorno a te, o mia signora, gioco con […]
  • Perdonati… di Paola Mannetta 28 maggio 2019
    Seguimi ascolta una musica dolce, prendi un foglio e scrivi.. lo so…è difficile continua, ammorbidisci la presa della penna. Respira e leggi ti accorgi che attraverso gli errori puoi imparare, lascia il peso, molla i sensi di colpa. Datti lo spazio per essere libero. ascoltati mentre lo fai ridi, porta con te sulla spiaggia il […]
  • Cronaca di una nascita, della morte e del morire di Francesca Falco 28 maggio 2019
    Cronaca di una nascita, della morte e del morire Scesero da lontane latitudini e giunsero fino a te sulla tua mano, ad imbrigliarne il ricamo paziente che declinava l’amore sul tuo corredo di sposa che profumava ancora di lavanda raccolta in nastrini di raso a ingemmare come primavera gli angoli del tuo sguardo. Stesero il […]
  • La Rocca dei Poeti a Milano di Michele Gentile 28 maggio 2019
    Sabato 25 maggio abbiamo celebrato un meraviglioso momento di poesia presso lo Spazio Alda Merini, in Via Magolfa 32 a Milano. Con grandissimo entusiasmo abbiamo presentato l’antologia della IV edizione della Rocca dei Poeti insieme alla “ Maschera di Euridice “ di Silvia Elena Di Donato. E’ stato un pomeriggio denso di significati profondi per […]
  • Epopea dei morti di Elena La Verde 21 maggio 2019
    Epopea dei morti Io sono viva e continuo ad andare avanti urlando e sanguinando da ogni ferita del mio corpo leso e danneggiato. La luna è alta e opaca con il suo debole chiarore. Le tenebre della notte macchiano iI mio animo puro. La volontà di veder punito il torto subito scorre nel sangue delle […]

Archivio articoli

Annunci

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: