Stai leggendo...
Salute, Scienza

Investire nella ricerca? Si riciclano in continuazione ricerche su alcol, sesso e caffè

Caffè: nelle donne previene la depressione

Le donne che temono la depressione farebbero bene a prendere l’abitudine di bere una media di almeno due tazzine di caffè al giorno. Da uno studio infatti è emersa una relazione tra questa bevanda, le cui proprietà vengono fuori periodicamente, e la depressione.

La ricerca è stata condotta dalla Harvard Medial School, ed è stato pubblicato su Archive of International Medicine. I risultati sono stati anche ripresi dal sito della Bbc.

Secondo i ricercatori il motivo è ancora tutto da comprendere, ma ci sono buoni motivi per credere che ci sia uno stretto legame tra i due elementi: “Anche se non è chiara la correlazione crediamo che la caffeina contenuta nel caffè alteri in maniera positiva la chimica del cervello”.

D’altra parte si tratta di una ricerca di larghissimo respiro, che per avere questi risultati ha analizzato qualcosa come 50mila infermiere Usa.

Alle stesse è stato sottoposto un questionario sul consumo di caffè e il loro stato di salute. Una serie di domande che hanno abbracciato un periodo di vita lungo dieci anni, dal 1996 al 2006. Ebbene è emerso che di queste 50mila infermiere, 2.600 sono state colpite dalla depressione durante questi dieci anni. Dalle interviste è emerso chiaramente che le infermiere colpite da depressione risultavano quelle che in minima parte avevano l’abitudine di bere il caffè. Molte di loro non lo bevevano affatto.Caffè: nelle donne previene la depressione

 Ma c’è anche un altro dato che ha fatto riflettere gli studiosi: rispetto alle donne che avevano l’abitudine di bere una tazza o meno alla settimana il rischio di ammalarsi è risultato del 15% inferiore tra coloro le quali bevevano 2 o 3 tazze al giorno. Percentuale che sale al 20% in quelle che ne bevevano 4 o più al giorno.

————————————————————————————–

Sesso: è mal d’autunno per 12 mln italiane

Sarà la fine dell’estate, le vacanze lontane, ma l’autunno per 12 milioni di donne italiane non è esattamente una cosa allegra. Cala il desiderio, si soffre di insonnia, di attacchi di fame e anche di disturbi legati all’umore. Insomma una sorta di “mal d’autunno”.

Ma la causa non risiede, come si potrebbe pensare, in una qualche nostalgia delle belle giornate estive. Questa condizione è infatti dovuta ad un basso livello di serotonina, quindi il problema è in gran parte biologico.
I recettori della serotonina infatti influenzano diversi processi biologici e neurologici come l’appetito, l’umore, l’ansia e l’aggressività. In qualche modo il neurotrasmettitore si può anche definire come un araldo del buonumore, ma a quanto pare la concentrazione di serotonina tende a ridursi nelle stagioni più fredde con giornate più brevi.

L’argomento è stato trattato nel corso del Congresso nazionale organizzato dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO).

Il “mal d’autunno” interessa il 25% degli italiani, ma le donne sono quattro volte più esposte degli uomini, mentre il 5% soffre di un autentico Disturbo Affettivo Stagionale (SAD).

————————————————————————————–

Donne, un bicchiere al giorno per una vecchiaia in salute

Uno studio americano pubblicato su PLoS Medicine riapre il filone dei potenziali benefici dell’alcol sulla salute. Chi beve con costanza e moderazione ha il 50 per cento di probabilità in più di superare i 70 anni perfettamente in salute.
08 SET – Un bicchiere di vino al giorno, soprattutto se bevuto con regolarità, aiuta le donne a invecchiare in salute. È questo il risultato di una ricerca pubblicata su PLoS Medicine (leggi) che allunga il filone di studi che attribuiscono all’alcol la capacità di offrire benefici per la salute.
A condurre lo studio, questa volta, sono stati ricercatori americani, dell’Harvard School of Public Health e del Brigham and Women’s Hospital di Boston che hanno analizzato i dati del Nurses’ Health Study, un ampio e lungo trial che è iniziato a metà anni Settanta e ha arruolato più di 120 mila donne.
Il team ha ristretto l’indagine a poco più di 13 mila donne con più di 70 anni, concentrandosi su quante tra esse erano perfettamente in salute: non presentavano cioè le 11 più diffuse malattie croniche, né segni di decadimento fisico o cognitivo. Ebbene, le probabilità di raggiungere i 70 anni in queste ottime condizioni erano del 20 per cento più alte in quanti aveva dichiarato di bere tra i 5 e i 15 g di alcol al giorno rispetto alle donne che non facevano affatto consumo di alcolici. Ancora più elevate le probabilità per chi ai dosaggi moderati abbinava anche la costanza: chi aveva l’abitudine di consumare alcolici per 5 giorni a settimana presentava una probabilità del 50 per cento più alta di invecchiare bene.
“Questi dati suggeriscono che il consumo regolare e moderato di alcol durante la mezza età conferisce un modesto miglioramento dello stato di salute per le donne nel corso dell’ultima fase della vita”, hanno concluso i ricercatori. Dati che sono in accordo con “le ricerche precedenti secondo cui il consumo moderato di alcol è inversamente associato a vari outcome sanitari molto frequenti negli anziani, come malattie cardiache, ictus, diabete, declino cognitivo, demenza e limitazioni fisiche”, hanno aggiunto.
Inoltre, secondo, il team, lo studio aggiunge un nuovo elemento alla conoscenza dei rapporti tra consumo di alcol e salute, cioè “l’importanza del modello di consumo”. “Bere con moderazione e regolarità piuttosto che concentrare le bevute in pochi episodi potrebbe aumentare le probabilità di invecchiare bene”, hanno concluso.

Informazioni su Redazione Libera Mente News

Libera Mente News è composta da un gruppo eterogeneo di professionisti, ognuno esperto nel proprio campo, che intende creare un nuovo network di informazione che sia “pulito” e depurato da posizioni di parte (personali, politiche, religiose che siano). Intendiamo offrire sempre e solo delle news candide e veritiere.

Discussione

Un pensiero su “Investire nella ricerca? Si riciclano in continuazione ricerche su alcol, sesso e caffè

  1. I am regular visitor, how are you everybody?
    This post posted at this website is really good.

    Pubblicato da personal trainer courses | 19 aprile 2013, 07:14

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: