Prima pagina

Ultimi articoli

Maroni: “Legge per arresti preventivi si preannuncia un autunno caldo”

Il ministro dell’Interno in Senato dopo gli scontri di sabato: “La cieca violenza di tremila incappucciati ha oscurato la protesta pacifica di migliaia di persone. Volevano il morto, come a Genova”. E lancia l’allarme in vista della manifestazione in Val di Susa

ROMA -”C’era l’intenzione di attaccare sedi istituzionali, in primo luogo Camera e Senato. La polizia ha svolto il suo compito con integrità e precisione. C’era la volontà di ricreare l’incidente avvenuto a Genova durante il G8 e solo grazie alle forze ordine si è impedito che ci scappasse il morto”. A parlare è il ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’informativa al Senato sugli incidenti di sabato scorso 1 a Roma. Maroni è al Senato per chiedere nuove misure in grado di prevenire le violenze di piazza: “La nuova emergenza di ordine pubblico che si è manifestata a Roma ha la sua principale fonte nell’area anarchica”.

Adesso “servono – continua Maroni – nuove norme preventive. Ci sono state molte polemiche sulla prevenzione. Le informazioni sul movimento dei violenti c’erano, ma ricordo che le norme di legge attuali non consentono di procedere al fermo o all’arresto di chi è solo sospettato di volere partecipare alle violenze”. Che una legge preventiva sia necessaria Maroni lo aveva già annunciato ieri 2, insieme alla proposta per nuove misure legislative in grado di consentire alle forze dell’ordine di evitare più efficacemente le violenze. A sostegno delle parole di Maroni ieri era intervenuto anche il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprendo all’ipotesi che le nuove misure vengano introdotte per decreto.

Le leggi attuali non consentono alle forze di polizia “di effettuare azioni di prevenzione nei confronti dei violenti”, ha detto ancora il ministro. Da qui l’intenzione di proporre al Parlamento “nuove norme legislative che consentano – ha spiegato Maroni – di poter prevenire e impedire le violenze. È destituita di ogni fondamento” l’ipotesi che “non si sia fatto abbastanza sul fronte della prevenzione. Le informazioni c’erano e c’erano tutte. Ma – ha continuato – le leggi attuali non consentono azioni preventive, come a esempio gli arresti”.

Arresto in flagranza differita, Daspo anche per i cortei, uno specifico reato associativo per chi esercita violenza aggravata nelle manifestazioni, maggiori tutele giuridiche per gli operatori di polizia. Sono alcune delle misure legislative annunciate dal ministro dell’Interno. Ma servono “risorse”, per questo, ha aggiunto il ministro: “Ho già chiesto al Consiglio dei ministri di venerdì di azzerare i tagli al ministero dell’Interno nei prossimi anni. Il ministero dell’Economia stanzierà 60 milioni di euro entro il 2011 per le spese necessarie alla gestione dell’ordine pubblico”.

“A titolo di esempio, segnalo un fatto avvenuto nella mattinata del 15 ottobre, poche ore prima dell’inizio della manifestazione – ha proseguito -: i Carabinieri hanno fermato quattro persone, presso la localita’ Castel di Leva, appartenenti all’area anarco-insurrezionalista, che erano dirette alla manifestazione di Roma e che all’interno della loro autovettura trasportavano caschi da motociclista, parastinchi, 500 biglie di vetro, mazzette da muratore, una fionda professionale, un piede di porco, nonché una piantina della città di Roma. I quattro sono stati trattenuti, identificati, denunciati, ma poi rilasciati, non potendo i carabinieri trattenerli perché non avevano ancora commesso il reato di violenza e resistenza che si apprestavano a compiere di lì a poco. È per questi motivi che intendo proporre al Parlamento l’adozione di nuove misure legislative – ha sottolineato Maroni -, per consentire alle forze dell’ordine di fare ciò che ora non possono fare, cioè intervenire con efficace azione di prevenzione per impedire che le violenze vengano effettivamente attuate”.

Con gli scontri di Roma, “abbiamo visto materializzarsi una nuova forma di terrorismo, che potremmo chiamare terrorismo urbano”, ha continuato Maroni. Sabato scorso a Roma c’è stata “un’inedita forma di terrorismo urbano”, con la “cieca violenza di 3000 incappucciati che ha oscurato la protesta di migliaia persone che volevano solo manifestare”. E tra gli incappucciati non c’era “nessun black bloc proveniente dall’estero”.

Poi il ministro è tornato a difendere le azioni delle forze dell’ordine: “Era più di vent’anni che non si usavano gli idranti e credo che il loro utilizzo sia stato molto utile”, ha affermato ricostruendo le concitate fasi degli scontri. Poi il conto: “Complessivamente in 24 ore sono state impiegate tremila unità di polizia, carabinieri e guardia di finanza, coordinate da 107 funzionari della polizia di Stato”. E un conto anche sui danni: “Nel complesso sono pari a circa cinque milioni di euro”.

La colpa è, secondo il resoconto del ministro, della fascia anarchica: “Nell’area romana frequentano centri sociali e gruppi come Acrobax, i Rash e gli Ultras romanisti del gruppo dei Fedayn”. Poi c’erano “i disoccupati organizzati napoletani”. Dei 12 arrestati, nove sono “residenti tra Roma e provincia, di cui uno solo noto alla Digos; poi c’è uno studente di Bologna che frequenta il gruppo Caos; un rumeno residente a Varese e un ragazzo varesino di 22 anni”.

Comunque, ha sottolineato, la principale area di riferimento è quella “anarchica”. Subito il paragone con la Val di Susa: “Questa estate in Val di Susa era possibile cogliere la recrudescenza del fenomeno insurrezionale. La protesta ‘No Tav’ di sabato prossimo è un laboratorio ideale per sperimentare le pratiche di guerriglia in previsione di un autunno caldo”, ha detto Maroni. Che ha poi invitato a tenere alta l’attenzione sul corteo dove, ha riferito, “uno dei leader, Alberto Perino, ha detto che succederà qualcosa di brutto”.

Oltre la notizia – Approfondimento: Roma 15 Ottobre – Il giorno della speculazione schizofrenica

 

RSS Blog di approfondimento – Oltre la notizia

  • Il vero prezzo della libertà di opinione 14 novembre 2014
    Faccio una riflessione prendendo spunto da un post apparso oggi sulla bacheca Facebook del famoso giornalista e scrittore Giulietto Chiesa, che qui di seguito riporto testualmente: Un frequentatore del mio blog sul Fatto mi rimprovera di essere sempre anti-americano, ovvero contro gli americani. Gli ho risposto (e qui riproduco) così: “C’è un problema. Gli “ […]
  • La presunzione…. 13 novembre 2014
    In un convegno, un’attrice che si presume “politicamente impegnata”, mi ha detto esplicitamente….che il discorso che le avevo proposto, non era attinente al tema dello stesso convegno. Questa signora si è dimostrata ridicola e non preparata. Diciamolo: quando si parla di “manipolazione delle coscienze”, si parla di persone che “non sono capaci di ragionare c […]
  • SCENARI DA BRIVIDI ! 11 novembre 2014
    Momenti di autentica follia a Bruxelles. Ennesimo smacco alle nostre istituzioni e alla nostra cultura a causa di un’ennesima decisione sconcertante che coinvolge anche le tabelline! Voci di corridoio da Bruxelles lasciano trapelare notizie inquietanti sull’ennesimo diktat che si vorrebbe imporre al fisco italiano. La parola d’ordine chiaramente è risparmiar […]
  • Visita INPS: storia di Gloria. 7 novembre 2014
    Gloria. Gloria è una signora che si è ammalata di cancro nel 2012. Nel 2014 ha avuto una recidiva. La prima volta ha avuto una quadrantectomia. La seconda volta una mastectomia. Pessima storia di cancro. Pessima storia di malattia. E’ una signora affascinante, colta, colpita dalla bestia. La bestia non guarda nessuno: quando attacca, attacca […]
  • L’Atlantismo è un totalitarismo (3° parte) 6 novembre 2014
    3° e ultima parte del bel saggio di Guillame de Rouville tradotto da M.Guidoni e che abbiamo ribloggato dal sito byebyeunclesam. Altri scritti di questo autore francese si possono trovare nel suo sito l’idiot du village. geopolitique, chaos & idiotie. ________________________________________________________________________________ Traduzione di M. Guidon […]
  • Operai: un bersaglio scomodo…. 5 novembre 2014
    I recenti avvenimenti dimostrano che gli operai siano diventati il bersaglio del potere occulto….il potere di quello tipico di un regime. Che tipo di regime? Il regime di propaganda. Questi episodi mi ricordano quelli che mi raccontavano alcuni anziani. Quelli relativi ad un periodo storico in cui tutto era propaganda. Tutto “girava”, attorno al culto […] […]
  • L’Atlantismo è un totalitarismo (2° parte) 3 novembre 2014
      Ecco la seconda parte del saggio di Guillame de Rouville. Buona lettura. —————————————————————————————————————————————————– Autoritratto del totalitarismo Vediamo ora, a grandi linee e per dare qualche riscontro, le principali caratteristiche che ci permettono di dire che l’Atlantismo è a tutti gli effetti un totalitarismo. L’Atlantismo è un imperialismo “ […]
  • L’Atlantismo è un totalitarismo (1° parte) 31 ottobre 2014
    Qualche settimana fa mi è capitato di leggere questo bel saggio di Guillame de Rouville, autore francese che disconoscevo ma che ora sto seguendo con una certa attenzione. La traduzione di questo scritto, che riguarda il particolarissimo e ambiguo rapporto di amicizia tra gli Usa e l’Europa intera, l’ho trovata sul sito Byebyeunclesam (che ringrazio) […] […]
  • Lo scettro e il manganello 30 ottobre 2014
    SE … chi dovrebbe proteggerti invece approfitta della propria uniforme per prenderti a manganellate non appena cominci a rivendicare diritti che ritieni sacrosanti, SE … chi ti rappresenta come primo cittadino si nasconde pusillanimemente dietro il prestigio (sulla carta) del proprio scranno per evitare di rispondere a chi lo chiama in causa per efferati cri […]
  • E tu dove vorresti andare ? 15 ottobre 2014
    La Grecia prova ad alzare la testa tentando di uscire dal controllo della Troika, cioè provando a fare di testa sua e – guarda caso – le Borse di tutto il modo (o quasi) abbassano l’indice creando caos e scuotimento. Tu ti alzi e io ti abbasso. Anzi, ti piego! E il ricatto è servito. […]

Archivio articoli

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Aggiornamenti Twitter

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: